Ungheria, l’anti-Orbán sarà Márki-Zay

Le primarie del fronte unito dell’opposizione vinte a sorpresa dal conservatore cattolico Péter Márki-Zay. L’alternativa a Orbán non sembra più solo un’utopia, ma la strada da fare è ancora lunga.

Massimo Congiu

L’esito delle primarie dell’opposizione ungherese è stato una sorpresa per molti, compreso il partito governativo Fidesz. Il favorito era l’attuale sindaco di Budapest Gergely Karácsony che prima del voto era considerato l’anti-Orbán, colui che alle elezioni politiche dell’anno prossimo avrebbe conteso all’”uomo forte d’Ungheria”, la poltrona di primo ministro. Ha prevalso, invece, Péter Márki-Zay, conservatore cattolico, primo cittadino di Hódmezővásárhely, piccolo centro abitato dell’Ungheria del Sud. E dire che alla fine del primo turno era arrivato terzo dietro Klára Dobrev (Coalizione Democratica, DK, centro-sinistra) e Karácsony (Dialogo per l’Ungheria, PM, ecologisti di centro-sinistra) e che i partiti del fronte unito d’opposizione lo guardavano con diffidenza. Lui si è sempre detto convinto di avere le migliori chance contro l’attuale premier.

Alla fine del primo turno Karácsony ha ritirato la sua candidatura. L’ha fatto per favorirlo ritenendo, insieme a quest’ultimo, che la Dobrev non fosse la persona più adatta a guidare la lista unica da presentare in tutte le circoscrizioni uninominali l’anno prossimo, in quanto moglie di Ferenc Gyurcsány, fondatore e leader di DK, ex premier socialista, figura politica controversa in Ungheria. Karácsony riteneva che, rispetto alla Dobrev, il candidato conservatore potesse rivolgersi a un elettorato più ampio, non solo al centro-sinistra ma anche ai liberali e ai moderati di destra e ottenere il loro consenso. Di fatto, Márki-Zay ha prevalso al ballottaggio contro la Dobrev che è vicepresidentessa del Parlamento europeo dal 2019 e che al primo turno era arrivata prima, un po’ a sorpresa.

Il vincitore ha ringraziato gli elettori per la fiducia e si è rivolto ai partiti dell’alleanza per impegnarsi con lui a mandare a casa Orbán e i suoi fedelissimi. Il suo obiettivo è ricostruire un senso comune, dar vita a un modo completamente diverso di intendere la politica. Promette, così, una gestione delle cose basata sulla solidarietà sociale al posto dell’incitamento all’odio tipico dell’attuale governo, e una vita politica fondata sull’onestà e sulla trasparenza. Quindi converge pienamente col blocco d’opposizione nell’annuncio di una lotta senza pietà contro la corruzione. Lotta che intende indirizzarsi non solo contro l’attuale sistema ma anche contro certe frange dei partiti prima al potere: i socialisti e i loro alleati liberali. Questo aspetto potrebbe rendere più complicata la tenuta dell’alleanza guidata proprio dal DK di Gyurcsány. Quest’ultimo ha comunque garantito il suo appoggio al candidato leader alle elezioni in programma per il prossimo aprile. Gli altri punti del programma di Márki-Zay riguardano la modifica della legge elettorale che, così com’è concepita attualmente favorisce le forze di governo, l’adesione alla Procura europea e l’entrata dell’Ungheria nell’eurozona appena possibile.

Il fronte unito mette quindi l’elettorato di fronte a prospettive di un cambiamento che parte del paese sogna da tempo e che ora, con un’opposizione che si è compattata in funzione anti-Orbán, non sembra più solo un’utopia. I sondaggi appaiono benevoli con gli avversari del governo, ma la strada da fare è ancora lunga.

Nelle scorse settimane i rappresentanti dell’esecutivo si erano impegnati a ridicolizzare le primarie e a screditare i candidati che in partenza erano cinque. Il premier aveva già detto ai suoi che le prossime elezioni non saranno una passeggiata ma che alla fine le urne premieranno il governo. Saranno, comunque, elezioni particolarmente interessanti perché è la prima volta, dal 2010, che i principali partiti dell’opposizione riescono a dar vita a un’alleanza a livello nazionale. Finora questo tipo di situazione si era determinato solo alle amministrative: nel 2018 con l’elezione a sindaco di Márki-Zay in quella che risultava essere una roccaforte del Fidesz e soprattutto l’anno dopo, quando l’opposizione si aggiudicò Budapest e diverse altre importanti città del paese.

La vittoria di Márki-Zay alle primarie è stata salutata con favore dai sostenitori del fronte unito e dal quotidiano Népszava che vede del buono nel fatto che la politica ungherese vada finalmente oltre la logora disputa fra Orbán e Gyurcsány e che si apra “ad una reale possibilità di cambiamento”. Derise dal governo, le primarie sono state caratterizzate da una partecipazione di popolo definita soddisfacente dagli interessati: fra i due turni hanno votato oltre 850.000 persone, e questo lascia ben sperare Márki-Zay e i sostenitori del blocco.

49 anni, ingegnere, economista, storico, il candidato premier viene visto come un outsider della politica. Dopo essere diventato sindaco di Hódmezővásárhely ha dato vita al movimento civico L’Ungheria di Tutti (Mindenki Magyarországa Mozgalom, MMM) che ha contribuito in modo rilevante al suo recente successo.

Ora, come già precisato, la strada verso il voto del prossimo aprile è lunga e l’opposizione farà bene a non sottovalutare l’avversario se vuole concretizzare almeno una prima prospettiva di cambiamento.



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Massimo Congiu

C’è un malessere cavalcato da ambienti politicamente orientati in senso neofascista che provvedono a gettare benzina sul fuoco.

La vicenda dei migranti bloccati alla frontiera fra Polonia e Bielorussia è un nuovo appello alla coscienza mondiale.

Il rifiuto del premio da parte della scrittrice sopravvissuta alla Shoah è un gesto di coerenza verso valori umani irrinunciabili.

Altri articoli di Mondo

L'esito del caso Rittenhouse riaccende il dibattito sul diritto di armarsi e di andare in giro armati negli Stati Uniti.

I cittadini che vivono nella zona in stato di emergenza chiedono una soluzione urgente alla crisi umanitaria sul confine polacco-bielorusso.

C'è un divario sconcertante fra i grandi princìpi proclamati solennemente dall’Unione Europea e quanto sta accadendo ai suoi confini.