Il vaiolo delle scimmie e l’importanza delle parole

Oms e Regno Unito lanciano l’allarme sul vaiolo delle scimmie e descrivono una maggiore incidenza tra gay. Ma è davvero necessario? Non è meglio sottolineare i comportamenti a rischio?

Ingrid Colanicchia

Oms e Regno Unito hanno lanciato l’allarme sul vaiolo delle scimmie. E nel farlo hanno descritto una maggiore incidenza, al momento attuale, tra uomini gay. Sul sito del governo del Regno Unito, che per primo ha lanciato l’allarme, si può leggere: «L’Agenzia per la sicurezza sanitaria del Regno Unito (UKHSA) ha rilevato due nuovi casi di vaiolo delle scimmie, uno a Londra e uno nel sud-est dell’Inghilterra. Con questi il numero totale di casi confermati dal 6 maggio è di nove, con casi recenti prevalentemente tra gay, bisessuali o uomini che hanno rapporti sessuali con uomini (MSM). […]. Il virus si diffonde attraverso uno stretto contatto e l’UKHSA consiglia alle persone, in particolare a coloro che sono gay, bisessuali o MSM, di prestare attenzione a eventuali eruzioni cutanee o lesioni insolite su qualsiasi parte del loro corpo, in particolare i genitali, e di contattare un servizio di salute sessuale in caso di dubbi».

Anche se il sito del governo si limita a descrivere un fatto (una predominanza di casi, al momento attuale, tra uomini che fanno sesso con uomini) questo modo di porre la questione mi pare sollevi un problema e due rischi conseguenti, legati alla possibile ricezione di tale informazione, così come presentata, da parte dell’opinione pubblica.

Il problema è che si crea, seppur involontariamente, una associazione tra la malattia e una specifica “categoria” di persone piuttosto che tra la malattia e un determinato comportamento a rischio (come può essere una pratica sessuale che, se effettuata senza protezione, in quanto comportante scambi di liquidi biologici, può presentare maggiori rischi a livello di trasmissione di malattie; il sesso anale senza protezione, per esempio, è più rischioso della penetrazione vaginale senza protezione per la trasmissione di malattie ed è più rischioso in particolare per chi viene penetrato/a).

I due rischi di una simile associazione risiedono da un lato nel fatto che ciò può contribuire a stigmatizzare una determinata “categoria” di persone e dall’altro che ciò può indurre chi di quella “categoria” non fa parte (ma magari pratica quel comportamento a rischio) ad abbassare la guardia.

Si tratta di un copione che, con le dovute proporzioni, abbiamo già visto: erano gli anni Ottanta e la malattia in questione era l’Aids.

È certamente importante informare la popolazione su quali sono i gruppi più a rischio di una determinata infezione a causa di comportamenti comuni tra i loro membri, ma decisamente più efficace sarebbe informare il più precisamente possibile la popolazione su quali sono questi comportamenti a rischio piuttosto che puntare i riflettori su una “categoria” di persone.



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Ingrid Colanicchia

Il caso della pizzeria “Le Vignole” dovrebbe farci fermare un attimo a riflettere. Soprattutto se ci si occupa di informazione e comunicazione.

Al via alla Corte internazionale di giustizia le udienze relative al procedimento del Sudafrica contro Israele.

Racconto di una degenza in un ospedale di Roma. Tra crocifissi, frati in visita e insulti da parte del personale ostetrico.

Altri articoli di Mondo

Un ritratto del premier slovacco Fico, vittima di un'aggressione a poche settimane dalle elezioni europee.

Pedro Sánchez si è preso cinque giorni per riflettere su una plausibile dimissione per tornare rilanciando un appello contro le ultra destre.

L'unica soluzione per tutte le forme di razzismo, incluso l'antisemitismo, sta nella rottura della santa trinità di popolo-Stato-territorio.