Vergogna Europa

Dalla visita di Von der Layen a Lampedusa ci saremmo aspettati uno scatto di umanità e orgoglio. Abbiamo visto solo meschino calcolo politico sulla pelle di alcune migliaia di persone.

Cinzia Sciuto

In queste ore drammatiche per le migliaia di persone sbarcate a Lampedusa l’Europa sta dando il peggio di sé, mostrando non solo meschinità umana ma anche profonda incapacità politica. Da Meloni a Von der Layen passando per Macron è tutto un rincorrersi per scaricare il fardello di alcune migliaia di persone che il dittatore tunisino Sayed ha deciso di usare come strumento di pressione politica, esattamente come a suo tempo fece Erdoğan con le migliaia di siriani bloccati alla frontiera con l’Austria.
Dalla presidente della Commissione europea in visita a Lampedusa ci saremmo aspettati uno scatto di umanità e orgoglio, un “wir schaffen das” europeo che porgesse la mano a quella disperata umanità che si affolla sui barconi perché quella stessa Europa non consente loro di arrivare in sicurezza, fornendo ai dittatori dei Paesi di transito ottime armi di ricatto. E invece abbiamo solo avuto piccolo cabotaggio politico, un meschino “do ut des” in vista delle europee e del rinnovo della Commissione. Un calcolo politico di bassissima lega che sarebbe ridicolo se non si giocasse sulla pelle di persone in carne e ossa. Pelle evidentemente del colore sbagliato. Perché è innegabile che è lì, sulle sponde del Mediterraneo, su quella che Du Bois chiama “la linea del colore”, che oggi si gioca la partita fra la vita e la morte.
E non veniteci a parlare di realismo, non veniteci a dire che “non possiamo accoglierli tutti”. In queste ore i politici europei si stanno comportando come gli occupanti di una nave da crociera che ributtano a mare dei naufraghi perché non c’è abbastanza posto sui loro divanetti di pelle. Non siamo disposti a sacrificare il nostro senso di appartenenza a un unico destino umano sull’altare di un presunto realismo politico, che di realistico peraltro non ha nulla, mentre ha tutto di cinico.
Realistico, e umano, sarebbe aprire corridoi umanitari per i Paesi da cui provengono la maggior parte dei migranti; realistico, e umano, sarebbe modificare e liberalizzare la politica dei visti; realistico, e umano, sarebbe garantire a chiunque arrivi percorsi di integrazione che consentano loro di inserirsi velocemente nella società e tornare ad avere una vita degna di questo nome; realistico, e umano, sarebbe ripristinare il sistema di accoglienza diffuso e modificare il regolamento di Dublino; (diversi anni fa, sul numero 7/2011 di MicroMega, pubblicammo un dettagliato “programma sull’immigrazione” proprio per mostrare che un approccio accogliente e solidale non è affatto irrealistico).
Non c’è sedicente realismo politico che possa convincerci che l’Europa non sia in grado di accogliere con rispetto e umanità i nostri simili, da cui ci separa solo una sottile linea del colore.
Abbonati a MicroMega

CREDITI FOTO: La premier Giorgia Meloni e la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen durante la visita a Lampedusa, 17 settembre 2023. ANSA/ CHIGI PALACE PRESS OFFICE/ FILIPPO ATTILI



Ti è piaciuto questo articolo?

Per continuare a offrirti contenuti di qualità MicroMega ha bisogno del tuo sostegno: DONA ORA.

Altri articoli di Cinzia Sciuto

L’unico modo per ottenere un cessate il fuoco immediato – ormai chiesto persino dagli Usa – è l’interruzione di ogni sostegno militare a Tel Aviv.

Le polemiche sulla scuola che chiude per il Ramadan non hanno nulla a che fare con la laicità e molto con rivendicazioni identitarie.

Per la Giornata delle donne pubblichiamo l'editoriale di MicroMega 2/2024 "Liberiamoci del patriarcato", in libreria dal 21 marzo.

Altri articoli di Contrappunto

L’unico modo per ottenere un cessate il fuoco immediato – ormai chiesto persino dagli Usa – è l’interruzione di ogni sostegno militare a Tel Aviv.

Le polemiche sulla scuola che chiude per il Ramadan non hanno nulla a che fare con la laicità e molto con rivendicazioni identitarie.

Al Festival del cinema di Berlino diversi artisti, fra cui un regista ebreo israeliano, sono stati accusati di antisemitismo.