La guerra non arriverà fino a qui: podcast di Valerio Nicolosi

Le speranze (e le certezze) di un sindaco, quello di Dumbraveni, al confine tra Romania e Ucraina. La mobilitazione per accogliere i profughi. La storia di Emanuel, che per dieci anni ha vissuto in Italia.

Valerio Nicolosi

Nella cittadina di Dumbraveni, sul confine tra Romania e Ucraina, c’è stata una grande mobilitazione per accogliere i profughi: il sindaco ha messo a disposizione il palasport e decine di volontari si sono organizzati per la registrazione, i trasporti, il pernotto e i pasti. Tra loro c’è Emanuel, un ragazzo che ha vissuto dieci anni in Italia e che ci accompagna dal confine al palasport fino alla stanza del sindaco di Dumbraveni, Ioan Paval, che ci dice, con sguardo sicuro, che la NATO è più forte della Russia e che la guerra non arriverà fin lì.
ASCOLTA SU SPREAKERASCOLTA SU SPOTIFY

Fuga dall’Ucraina. Un podcast di Valerio Nicolosi



MicroMega non è più in edicola: la puoi acquistare nelle librerie e su SHOP.MICROMEGA.NET, anche in versione digitale, con la possibilità di scegliere tra vantaggiosi pacchetti di abbonamento.

Altri articoli di Valerio Nicolosi

Mentre il soccorso in mare delle ONG continua a essere osteggiato, a Tripoli c’è una milizia del governo che respinge, tortura e abusa dei migranti.

Amnesty International: “Diffondere notizie di pubblico interesse è una pietra angolare della libertà di stampa”.

Visto l'ampio consenso che i paramilitari di estrema destra stanno raccogliendo, è utile ricordare chi sono veramente i "ragazzi" di Azov.

Altri articoli di Mondo

La Francia torna al voto per le legislative. Che possibilità ci sono per l’Unione delle sinistre di imporre a Macron una coabitazione con Mélenchon?

Alessia De Luca, analista dell’Ispi, spiega le ragioni che hanno condotto i due Paesi scandinavi a rompere una lunga tradizione di neutralità.

La criminalizzazione del dissenso è un’arma fondamentale con cui Putin sembra riuscire a rendere invisibili le proteste contro la guerra.